combattere l'ISIS e altri movimenti terroristici
 

Pubblicato il 2 ottobre

Come combattere l’ISIS e altri movimenti terroristici

Al CyberSocio Intelligent-Systems Laboratory della Arizona State University si cerca di combattere l’ISIS e altri movimenti terroristici, grazie ad uno studio sull’emulazione dei comportamenti appresi in rete.

Internet viene spesso paragonato ad un cervello elettronico gigante, con le pagine che prendono il posto dei neuroni, e i “Like” di Facebook, tweet, e le pagine visitate che funzionano come gli impulsi elettrici che partono da quei neuroni. Così il flusso di informazioni aumenta o diminuisce in base alla quantità di singoli utenti che accedono e condividono. Quando abbastanza utenti condividono un certo pensiero, immagine, o meme su Internet, tendono a diventare “virali”, crescendo in diffusione in modo esponenziale, più o meno come una raffica di impulsi di neuroni che causano un certo pensiero a sollevarsi dal subconscio e imprimersi nella mente cosciente.

 

combattere l'ISIS e altri movimenti terroristici

E come questa cascata di impulsi neurali può portare un pensiero ad entrare nela nostra coscienza, che porta ad azioni reali, così i flussi informativi sulla rete internet possono portare a conseguenze reali e misurabili. Ad esempio, è una concezione consolidata che, quando viene letto su un giornale un articolo su un suicidio, immediatamente dopo l’uscita della storia, il tasso di suicidi nella zona in cui il giornale gode di una diffusa circolazione aumenterà. L’atto di leggere un articolo su un suicidio in effetti imprime il suicidio nella mente dei lettori e aumenta la loro probabilità di impegnarsi in tale comportamento.

Quindi, come possiamo arginare il flusso di certe idee e opinioni che portano a comportamenti che la società ritiene regressive e dannose? Questa domanda è stata molto presente nelle menti dei ricercatori del CyberSocio Intelligent-Systems Laboratory della Arizona State University o CySIS in breve. La missione del loro laboratorio è di impedire la diffusione di ideologie estremiste on-line, di cui quelle dell’ISIS sono oggi le più importanti.

Il dottor Hasan Davulcu della Scuola di Computeristica, Informatica, e la Ingegneria delle Decisioni dei Sistemi della ASU spiega: “Stiamo sviluppando strumenti migliori per rilevare le reti estremiste che promuovono la violenza e bloccare i loro contenuti online.” Centrale nel loro lavoro è la teoria delle cascate informative. Le Cascate di Informazioni spiegano come una persona osserva le azioni degli altri e quindi, nonostante le possibili contraddizioni nelle proprie di informazioni private, si impegna negli stessi comportamenti. Tali teorie sono fondamentali per capire come una semplice ragazza britannica 15enne, potrebbe essere convinta a volare a migliaia di miglia da casa per aderire ad una organizzazione terroristica come ISIS.

Il Dr. Paulo Shakarian del CySIS spiega come qualsiasi informazione, terroristica o altro, tende a diventare virale: “Prima di tutto, un messaggio che si diffonda in una grande varietà di comunità online è più probabile che diventi virale. Ad esempio, se si dovesse ricevere lo stesso tweet da tre colleghi di lavoro, che è una sola fonte, sarebbe improbabile che possa diffondersi molto di più. Se, d’altra parte, si dovesse ricevere un tweet da un membro della famiglia, uno da un collega di lavoro, e un terzo da un vecchio amico del college, questo è potenzialmente più significativo. Abbiamo sviluppato metriche per valutare l’importanza di come un messaggio o micro blog si diffonde on-line. ”

Con l’aiuto di un software all’avanguardia chiamato Lookingglass, il dottor Paulo Shakarian e il dottor Hasan Davulcu stanno unendo le forze per combattere la diffusione di ideologie estremiste on-line, per combattere l’ISIS e altri movimenti terroristici. E come ci si aspetterebbe dalla natura della loro ricerca, l’esercito americano sta già tenendo un occhio sui risultati. Questo solleva una domanda assillante sulla libertà di espressione: una volta che queste tecnologie sono mature, potrebbero essere trasformate ed essere impiegati per fini meno nobili di quanto i Dottori Davulcu e Shakarian hanno in mente?

Se questi algoritmi software possono essere utilizzati per contrastare la diffusione del terrorismo on-line, potrebbero anche essere utilizzati per prevenire la diffusione di altre idee che gli operatori disapprovano. Qualsiasi organizzazione che potesse controllare la diffusione di un’idea o movimento politico su internet avrebbe de facto una delle armi più potenti sulla faccia del pianeta. Ciò solleva una questione cruciale: può un tale tecnologia diventare ancora più pericolosa della minaccia per combattere la quale è stata creata?

Commenti

0 Commenti 0 Risposte dell'autore