arrestato per un giorno il responsabile di facebook per il Brasile
 

Pubblicato il 9 marzo

Arrestato responsabile di facebook per il Brasile, poi rilasciato

Le autorità di San Paolo hanno arrestato il responsabile di Facebook per il Brasile in seguito ad una indagine per droga, per poi rilasciarlo il giorno dopo.

Un giudice brasiliano ha ordinato il rilascio di un responsabile di Facebook, il giorno dopo che questi era stato arrestato nell’ambito di una controversia che coinvolge WhatsApp. La polizia di San Paolo ha interrogato il responsabile di Facebook per l’America Latina Diego Dzodan il Martedì, trattenendolo in carcere durante la notte.

arrestato per un giorno il responsabile di facebook per il Brasile

Un tribunale aveva ordinato a Facebook di fornire alcuni dati da WhatsApp, un’applicazione di messaggistica di sua proprietà, in relazione ad una indagine penale riguardante un traffico di droga.
Le autorità di Sergipe hanno detto che avevano bisogno dell’aiuto di Facebook in un caso in cui i sospetti usavano Facebook Messenger e WhatsApp per comunicare e pianificare i loro crimini.

Secondo le autorità, il giudice ha emesso l’ordine per tre volte e ha iniziato a multare Facebook per 50.000 reals ($ 12.600) al giorno per non conformità di due mesi fa. Il mese scorso, la multa è aumentata a 1 milione di real ($ 253.000) al giorno. Un mandato è stato emesso per il responsabile di Facebook Dzodan il 7 febbraio.

Il giudice Ruy Pinheiro di Sergipe ha ribaltato il mandato d’arresto del tribunale di grado inferiore il Mercoledì. In una dichiarazione, il giudice ha stabilito che Dzodan non poteva essere arrestato perché non è indagato nel caso, chiamando la mossa “coercizione illegale”. Un portavoce di Facebook ha confermato che è stato rilasciato Dzodan Mercoledì mattina.

“La detenzione del nostro dirigente di facebook Diego è stata una misura sproporzionata, e siamo lieti di vedere che la corte in questione ha ricevuto un’ingiunzione di ordinare il suo rilascio”, ha detto un portavoce di Facebook in un comunicato. “Arrestare le persone senza connessione a un’indagine di polizia in corso è un passo quantomeno capriccioso e noi siamo preoccupati per gli effetti per la popolazione del Brasile e l’innovazione nel paese.”

Facebook ha acquistato WhatsApp per 19 miliardi di dollari di due anni fa. Dato che WhatsApp cripta le informazioni che passano attraverso la sua piattaforma e non mantiene le informazioni su un server centrale, è più difficile per la sociretà consegnare i dati richiesti dalle autorità.
Nel caso del Brasile, WhatsApp dice che è impossibile fornire dei dati a causa della forza della sua crittografia, e perché i dati sono conservati solo sul dispositivo di una persona dopo che è stato consegnato.

Commenti

0 Commenti 0 Risposte dell'autore