centrale elettrica marina in Portogallo
 

Pubblicato il 8 settembre

Realizzata la prima centrale elettrica marina in Portogallo

Finalmente è operativa la prima centrale elettrica marina al mondo che converte l’energia delle onde del mare in energia elettrica, al largo della costa del nord del Portogallo.

Il progetto Agucadoura per questa centrale elettrica marina, inizialmente doveva generare energia utilizzando tre convertitori di energia del moto ondoso Pelamis che sono delle strutture semisommerse articolate, composte da sezioni cilindriche collegate da giunti a cerniera. Descritti come “serpenti marini” d’acciaio, sono ancorate al fondo marino, 7 km al largo della costa sud di Porto. Le tre PWEC stanno attualmente immettendo 2,25 MW di energia elettrica nella rete nazionale del paese, rendendo il Portogallo il primo paese al mondo a sfruttare l’energia delle onde su base commerciale.

centrale elettrica marina in Portogallo

Questo progetto fa parte di un partenariato più ampio, il consorzio Ondas de Portugal (Le onde del Portogallo), che si concentrerà sullo sviluppo di progetti di energia dell’onda sperimentali, così da realizzare altri impianti di centrale elettrica marina. Il progetto Agucadoura sarà il primo di una serie di progetti avviati dal partenariato. In questa prima fase l’investimento complessivo è stato di circa € 8,5 milioni. La seconda fase del progetto sarà quello di produrre e installare ulteriori 25 macchine e portare la capacità installata fino a 22,5 MW.

Una volta completato il progetto si prevede di soddisfare la domanda di energia elettrica media annua di oltre 15 000 famiglie e spostare più di 60.000 tonnellate l’anno di emissioni di anidride carbonica dagli impianti di generazione di energia elettrica convenzionali.

Il progetto si avvale della legislazione del governo portoghese e l’attuazione di una nuova tariffa per l’energia elettrica prodotta dal progetto. Questo incentivo permetterà in futuro il finanziamento di altri progetti simili e fornirà un incentivo per gli investimenti nella tecnologia nascente da parte di finanziatori di progetti e fornitori di tecnologia.

“Il prezzo non è competitivo in questo momento e il progetto è stato possibile solo grazie alla speciale tariffa utilizzata in Portogallo, che permette in pratica dicontinuare a sviluppare la tecnologia … ma speriamo che in 15 anni la diffusione dell’elettricità generata da onda sarà al livello dell’eolico, che è estremamente competitiva “, ha detto Anthony Kennaway, portavoce di Babcock and Brown.

La principale azienda energetica EDP e la società di ingegneria del Portogallo EFACEC hanno preso una quota ciascuno del 15,4 per cento del progetto.

Commenti

0 Commenti 0 Risposte dell'autore