Pubblicato il 9 luglio

Agevolazioni fiscali start-up: tutti gli incentivi per le nuove imprese

business-growth-1-1426746-mLe start-up diventano sempre più diffuse, molti giovani o aspiranti imprenditori cercano di creare business di successo, molti devono reinventarsi in seguito alla crisi economica e si impegnano per rendere un’idea profittevole.

Innanzitutto è necessario definire cosa è esattamente una start-up: per essere classificata come tale un’impresa deve avere sede legale in Italia e non deve essere costituita da più di 24 mesi; deve inoltre avere carattere di innovazione e non superare i 5 milioni di euro di valore della produzione nel secondo anno di vita; non si può considerare start-up un’impresa che sia nata da scissioni, fusione o cessioni di rami d’azienda. Durante questa fase iniziale di agevolazioni l’azienda non può inoltre distribuire utili.

Numerose sono le agevolazioni riservate alle imprese che rientrano nella categoria delle start-up per aiutarle a creare le basi per un business solido e di successo:

  • Esonero dai diritti camerali di segreteria per tutti gli atti depositati dopo l’iscrizione nel registro delle imprese.
  • Esenzione ai fini fiscali e contributivi del reddito di lavoro sotto forma di azioni, quote e strumenti finanziari partecipativi corrisposto dalle stesse start-up ad amministratori, dipendenti o collaboratori continuativi.
  • Agevolazioni per l’assunzione di personale.
  • Detrazioni fiscali per chi investe in questo tipo di società.
  • Credito d’imposta al 35%
  • Per tutto il periodo in cui una società ha i requisiti per qualificarsi come start-up innovativa non è quindi tenuta a fare il test di operatività.

Sono incentivi senza precedenti che rendono il momento particolarmente interessante per la creazione di start-up innovative, quindi cosa aspettate? Rendete concreta la vostra idea geniale e buttatevi a capofitto nella vostra nuova impresa, questo è il momento migliore per farlo.

 

 

 

Commenti

0 Commenti 0 Risposte dell'autore